Centro benessere dell'amore

Forum collegato al sito www.centrobenesseredellamore


    IL PAESAGGIO E' UNO STATO D'ANIMO - La luna come vademecum

    Condividere
    avatar
    Nadia
    Admin

    Femminile
    Numero di messaggi : 25
    Data d'iscrizione : 29.10.07

    IL PAESAGGIO E' UNO STATO D'ANIMO - La luna come vademecum

    Messaggio  Nadia il Gio 13 Ott 2011, 05:21

    Per questo eterno sinuoso sentiero della vita che ci troviamo tutti a dover percorrere , la Natura ci ha fornito un vademecum tanto
    prezioso quanto alla portate di tutti, una luce che può illuminare il caos apparente delle cose e degli eventi quotidiani, rendendoli
    spiegabili come naturali e anche in parte prevedibili, con grande vantaggio per lo stato d'animo troppo spesso ansioso di chi viaggia
    su questa terra. Perché "c'è un tempo per seminare e uno per mietere.... Un tempo per nascere e un tempo per morire..." dice
    l'antico libro dell'Ecclesiaste. C'è un tempo per ogni cosa, ci hanno insegnato i genitori al tempo della voracità indiscriminata e continua
    della rima infanzia; continuano a ricordarcelo la sveglia al mattino, gli orari lavorativi, i riti stagionali delle feste e delle vacanze.
    Tutto intorno a noi, anche gli altri esseri viventi, testimoniano silenziosamente la legge universale della ciclicità. Gli alberi si
    vestono e si svestono periodicamente di foglie, fiori e frutti, in eterna successione; gli uccelli cantano o tacciono; la stessa luce del
    giorno cresce e diminuisce senza requie. Ciò che veramente accomuna tutto il vivente è una stessa legge: il Kuklos, circolo; "sequenza di
    eventi che si ripete con periodicità. La ciclicità è un dato importante: conoscerlo significa avere informazione sulla struttura essenziale
    dei fenomeni che noi stessi siamo e nei quali viviamo; la struttura ritmica. Ora, più informazioni si hanno, migliori saranno le scelte
    che si possono fare. Dunque tutto è organizzato a ritmo in natura: il cuore regolarmente si contrae e si allarga, i polmoni regolarmente
    inspirano ed espirano, le onde del cervello si snodano in sequenze binarie. Tutta la nostra consapevolezza del mondo è legata alla ciclicità:
    se gli eventi fondamentali non si riproducessero periodicamente, non vi potrebbe essere un universo comprensibile, una struttura attraverso cui
    riconoscere il mondo e noi stessi, essenziale non solo per l'orientamento ma per l'azione e la vita. Come tutte le informazioni,
    che sono potere, queste possono essere un grande aiuto per compiere questa lunga e faticosa traversata che è la vita. Conoscere e
    accompagnare la ciclicità ci aiuta come il marinaio è aiutato nel suo cammino sull'oceano dalla sua conoscenza delle maree e delle correnti:
    il bravo marinaio usa la sua esperienza per far saltare la sua barca assieme all'onda, utilizzandone la forza, così come l'uccello migratore
    si serve della sua conoscenza del cambio del soffio del vento per riposarsi scivolando dentro il canale d'aria.
    Nel 1989 ero a Cipro, nella nursery marina di Lara, un luogo dove il governo locale aveva istituito una stazione per la riproduzione
    protetta delle rarissime tartarughe azzurre, una specie che era quasi scomparsa dal Mediterraneo. Sulla sabbia della riserva in riva al
    mare le piccole uova maturavano in mucchio dentro secchi di plastica coperti da ripari che le proteggevano dai predoni animali e dai
    vandalismi umani. Quella volta io ebbi la fortuna di veder schiudersi quasi simultaneamente centinaia di piccoli gusci azzurrini: era il
    giorno della Luna Piena, e con quale gioia, appena emerse , con quale vivace decisione la miriade di tartarughine del colore delle fate si
    diresse immediatamente verso le calde acque del mare notturno, nel calmo splendore dell'enorme disco argentato! "Le uova si schiudono
    sempre con la Luna Piena, con esatta regolarità", disse la biologa della riserva.
    Nei tempi originari la Luna era la base dei sistemi di predizione e di iniziazione, e la scienza moderna sta dando ragione a questa antica
    attenzione: si sa oggi che la Luna,più che il Sole, influenza i potenziali elettrostatici, la stabilità dell'energia e le facoltà
    istintive, sia direttamente, attraverso la gravità, di indirettamente, attraverso gli effetti della marea ionosferica o con
    la modulazione del campo magnetico. La lunazione, o spazio di tempo compreso tra due congiunzioni fra Luna e Sole, è il periodo di circa
    ventotto giorni durante il quale la Luna subisce una serie di trasformazioni influendo a sua volta sulla distribuzione dell'energia
    nel nostro cielo. Quando il cielo notturno è buio e il disco della Luna non si vede, è la Luna Nuova, segnata sul calendario da un disco
    nero: la Luna oscurata dal Sole con cui si trova in congiunzione. Un nuovo ciclo è cominciato. L'uomo sente un certo sollievo rispetto ai
    problemi del passato, ma le possibilità di novità, i progetti che affioreranno si delineano solo nei tre giorni successivi. Man mano che
    la Luna cresce, aumenta con essa l'impulso a dispiegare e organizzare la propria energia. Alla Luna Piena, quando Il Sole e la Luna si
    trovano uno di fronte all'altra, in opposizione, segnata sul calendario da un disco bianco, il ciclo espansivo è al suo culmine ,e
    noi vediamo in faccia, cioé il Sole guarda di fronte a sé la Luna, il risultato, positivo o negativo, di ciò che fu programmato o intuito o
    intrapreso alla Luna Nuova precedente. Allora comincia la seconda parte del processo, quello discendente. Col decrescere della Luna le
    esperienze della prima parte del ciclo vengono assimilate e comprese meglio, abbandonate se trovate ormai sorpassate , ovvero condivise
    con gli altri se il tempo, grande pettine, ha provato il loro valore. All'Ultimo Quarto - "gobba a levante, Luna calante" -, segnato sul
    calendario dalla mezzaluna che indica i Quarti- raccogliamo i risultati di ciò che abbiamo sperimentato e fatto dalla Luna Nuova.
    Mentre il ciclo sta per finire l'energia si introvertisce sempre di più. Sempre più si medita più che agire, in attesa della Luna Nuova
    successiva, col suo rifiorire di progetti e di possibilità. In Oriente è tradizione piantare secondo la Luna, e non solo in Oriente, se
    Solomon riferisce che in un grande e bellissimo giardino dei Caraibi il giardiniere del luogo, uomo incolto e senza alcuna nozione di
    astronomia, piantava o trapiantava solo sotto la Luna Nuova, e mai con la Luna calante, periodo in cui solo tagliava e diserbava.
    Ecco allora che la Luna ci insegna che ogni cosa ha il suo momento e che è sana l'alternanza fra azione e riposo, fra iniziativa e attesa
    meditante, ci insegna che è perverso volere che ci sia sempre il Sole, l'azione, la spinta volontaria - sempre più successi , sempre più
    tacche sul legno del letto - e mai la Luna, il riposo, l'intimità, il non fare, il momento meditativo. La Luna ci insegna che sana è
    l'alternanza e perversa la fissità su uno stile unico. La Luna così familiare ci insegna a guardare con occhio più profondo il
    quotidiano, luogo dove più si dispiega la sua azione: ecco che il ciclo della Luna ci fa capire perché con la Luna Nuova e la Luna Piena
    i giornali riportano un massimo di notizie di episodi violenti, di movimenti popolari, di protesta, di incidenti stradali e domestici, di
    delitti in famiglia, di donne e bambini picchiati. Le vie saranno piene di gente eccitata che si riversa fuori di casa come a una
    parola d'ordine, e le sirene delle ambulanze ululeranno più numerose del solito. La Luna ci insegnerà allora a evitare le discussioni che possono
    sorgere frequenti in quei periodi; viceversa, dopo, ci inviterà a godere della lucidità mentale e della tranquillità tipica dei momenti
    di quarto di Luna. Esemplarmente, ogni famiglia, ogni aula scolastica, ogni Parlamento, ogni comunità sperimenta mattinate "effervescenti",
    dove il brusio è continuo, l'attenzione scarsa, gli scontri anche verbali frequenti, il chiasso elevato, e altre mattine dove tutto
    l'uditorio è assorbito dal lavoro proposto, e sembra più maturo e introspettivo. Un'occhiata al calendario mostrerà, nel primo caso, -
    quando anche animali e bambini avranno avuto il massimo dell'irrequietezza e ci sarà stata più sofferenza per gli insonni- la
    faccia tonda della Luna piena o il disco nero della Luna Nuova; nell'altro caso, il periodo di discesa dalla Luna Piena alla Luna
    Nuova. In particolare, il giorno più tranquillo sarà uno di primo ma soprattutto di ultimo Quarto lunare, con la Luna di profilo, streghina
    rappresentata con una espressione allegra perché benevolmente moderata. Perciò, cari lettori, abbiamo sempre a portata di mano un
    calendario e un'agenda con le fasi lunari, all'antica. Madre Natura è tanto più potente di noi: seguiamola. E' una dolce guida.
    Luciana Marinangeli


      La data/ora di oggi è Sab 23 Set 2017, 03:10